1ST Player Fire Dancing: Recensione

1ST Player Fire Dancing: Recensione





Introduzione

Dopo la recensione della 1ST Player Black Sir uscita qualche giorno fa quest’oggi andremo a testare un’altra tastiera della marca emergente. Sto parlando della bella e impossibile Fire Dancing GK3 Black. Si tratta di una tastiera a membrana ma con un ottimo feedback da meccanica ed è stata concepita per il gaming non tralasciando il design molto accattivante!

Features

  • 26 tasti anti- ghosting per un migliore controllo e esperienza di gioco
  • Retroilluminato con 7 tipi di colore
  • Vita di battitura può essere fino a 30 milioni di volte
  • Caratteri NON retroilluminati
  • Design impermeabile

Specifiche

  • Tasti: 104
  • Lunghezza cavo usb: 160cm
  • Dimensioni: 448mm (L) * 140mm (W) * 43mm (H)
  • Peso: 1KG
  • Windows XP o superiore. (Ovviamente funziona anche su linux)

Confezione

La confezione passa inosservata: è bianca, molto pulita e molto semplice sia dall’esterno sia dalla parte del contenuto. Sul retro troviamo tutte le caratteristiche della stessa.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Passiamo al contenuto della confezione, come detto in precedenza si tratta di una confezione semplicissima:

  • 1x Tastiera
  • 1x Manuale

Questo slideshow richiede JavaScript.

Design

Appena aperta la confezione si nota immediatamente la qualità dei materiali: molto buoni e resistenti. Appena presa in mano si sente la pesantezza della tastiera: il peso è di quasi 1KG. Come citato nelle specifiche i tasti NON sono retroilluminati ma bensì i lati della tastiera sono illuminati. Cosi facendo la 1ST PLAYER ha dato al suo prodotto un tocco piacevole e simpatico. Parlando di retroilluminazione non si possono non citare i colori che si possono cambiare grazie all’aiuto del tasto a forma di ingranaggio: bianca, rossa, gialla, verde, viola, blu, azzurro(Per vedere gli effetti guardate il video lasciato sopra).

(Da notare che sotto la scritta Fire Dancing c’è scritto 1ST PALYER)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Galleria

Considerazioni

Anche se l’azienda è nata da poco dimostra già la sua qualità. La tastiera ha un design da fare invidia alle marche più blasonate con molto spazio tra i tasti e sono molto precisi e veloci. La retroilluminazione è buona: non è forte da dare fastidio durante il giorno ma la sera non illumina molto i tasti. L’illuminazione si può regolare attraverso l’ausilio dei tasti Fn+ Page UP/Down. Come la Black Sir ha sia i tasti funzione multimediali in posti scomodi da usare con una mano sia il layout inglese e quindi mancano i caratteri accentati italiani. C’è tra l’altro qualche piccolo errore di scrittura sia sulla tastiera sia sul manuale ma non fa niente. Per il prezzo che ha, secondo me, si tratta di un best buy.

P.S. ancora non è disponibile per l’acquisto in Italia.

Link Acquisto| Amazon.com

Overall
4 out of 5
Overall

Anche se l'azienda è nata da poco dimostra già la sua qualità. La tastiera ha un design da fare invidia alle marche più blasonate con molto spazio tra i tasti e sono molto precisi e veloci. La retroilluminazione è buona: non è forte da dare fastidio durante il giorno ma la sera non illumina molto i tasti. L'illuminazione si può regolare attraverso l'ausilio dei tasti Fn+ Page UP/Down. Come la Black Sir ha sia i tasti funzione multimediali in posti scomodi da usare con una mano sia il layout inglese e quindi mancano i caratteri accentati italiani. C'è tra l'altro qualche piccolo errore di scrittura sia sulla tastiera sia sul manuale ma non fa niente. Per il prezzo che ha, secondo me, si tratta di un best buy.

4

Good
4 out of 5

Dodaro Raffaele

<p>Innamorato dell’elettronica ed informatica fin da piccolo quando cominciavo a rompere i videoregistratori. Qualche anno dopo incontrai i sistemi operativi e da lì in poi cominciai a girare nelle cartelle di sistema a far danni. Ora, ormai 18 enne, mi trovo alla guida di gametechmodding.</p>