Assassin’s Creed 3 in regalo – Ubi30

E siamo di nuovo qui, a parlare di un nuovo gioco Ubisoft in regalo, seppur per un relativamente breve periodo: Assassin’s Creed 3. Infatti, dopo il fantastico Farcry 3: Blood Dragon, Ubisoft festeggia i suoi 30 anni con uno dei capitoli meglio riusciti della saga. Uscito nel 2013, viene accolto molto bene per quanto riguarda la parte grafica, di coinvolgimento e di storyline ma non altrattanto per quanto riguarda il gameplay e meccaniche  malinserite. Ma approfondiamo il discorso e parliamo di questo titolo!

Partiamo con la storia: Ripresosi dal coma che lo aveva portato in un viaggio a Costantinopoli nei panni di Ezio, Desmond si ritrova a dover ritrovare gli ultimi frammenti dell’Eden che lo porteranno a salvare il mondo dall’apocalisse del 21/12/2012. Mediante il solito Animus,si troverà in piena rivoluzione americana, nei panni in primis di Haytham Kenway e in secundis di Connor Kenway. Ambedue avranno due modi di pensare e credo diversi, che al momento opportuno, trasformeranno  semplici discorsi in lotte millenarie, supportando l’una e l’altra teoria. I personaggi secondari che ruoteranno attorno ai due principali saranno molteplici e spesso, realmente esistiti: Si passa dal buon Benjamin Franklin al Generale George Washington senza ovviamente dimenticare Jhon Pictairn.

Arriviamo quindi al gameplay: molte missioni secondarie (raccogliere le piume d’acquila, gli scrigni, i fogli dell’almanacco di Benjamin Franklin,…) che portano ad esplorare ogni singolo pixel della mappa,viene implementata la corsa acrobatica attraverso gli alberi,le doppie e le triple uccisioni contemporanee mediante contrattacco mortale. Quest’ultime, purtroppo, rendono il gioco molto più facile da affrontare, invogliando sempre meno il giocatore ad usare lo stealth, che dovrebbe essere il fulcro centrale del gamplay di Assassin’s Creed.

Parliamo, infine, del lato grafico: Nonostante tutto, il lato grafico migliora molto dal precedente capitolo, sia per quanto riguarda le ambientazioni selvatiche come i boschi che per le grandi città come Boston, rendendoli soggetti di più screen del dovuto. La cura con cui sono caratterizzati i modelli personaggi è molto alta dando un’alta caratterizazzione dei personaggi non soltanto per ciò che dicono ma anche per come appaiono.

In conclusione, questo è un gioco che merita di essere ri-vissuto in tutto il suo splendore. Un titolo che si distacca dai predecessori, portando tematiche più cupe e mature, e allargando i confini su cosa sia giusto e cosa sia sbagliato; su chi siano i cattivi e chi i buoni. Innovazione e atmosfera sono quello che caratterizza Assassin’s Creed 3, portandolo ad attirare a sè molti videogiocatori. E non vedo occasione migliore di questo, dove potrete giocarlo gratuitamente.

Fateci sapere la vostra su Assassin’s Creed 3, parlateci della vostra esperienza!

 

 

Francesco Greco

Videogiocatore incallito da più di 15 anni, decide che forse scrivere di videogiochi sia la via più semplice per far conoscere al mondo quanto sia grandela sua passione. Ok forse sono troppo formale. Ciao, sono Francesco e mi piacciono i videogiochi!