DragonBall Xenoverse 2: Un sequel degno di nota

DragonBall Xenoverse 2: Un sequel degno di nota

Il 17 Marzo del 2015 esce uno dei titoli che più sorprende il pubblico: DragonBall Xenoverse. Il gioco prende subito i videogiocatori grazie a grafica rinnovata, gameplay rinnovato ed una storia del tutto nuova, svecchiando quello che erano diventati i titoli di questo genere e riportando il sorriso nelle facce di milioni di appassionati e implementando una vincente meccanica GDR. In parole povere Xenoverse fa il BOOM. Il 27 dello scorso mese esce il tanto atteso sequel, Xenoverse 2, che oltre a tenere alta la qualità, migliora ulteriormente. Addentriamoci quindi nelle recensione di questo titolo!

La storia (come d’altronde il suo predecessore) ci porta a rivivere i momenti più significativi della saga di DragonBall seppur con qualche cambiamento dovuto ad un qualcuno che cerca di metter mano nella linea temporale. Sta quindi al nostro personaggio, un membro della “Time Patrol”, il compito di risistemare le cose “con le cattive maniere”.Grazie quindi a queste piccole modifiche si potrà assistere a un quantitativo diverso di scene, che portano dai brividi di emozione e paura alle risate pure (immaginatevi un Ginyu con il corpo di Vegeta mentre compie quella danza che non sta nè in cielo nè in terra)

Il nostro personaggio sarà, come nel nel primo capitolo, personalizzabile: oltre,ovviamente, al sesso dovremmo infatti scegliere quale razza del manga di Akira Toriyama impersonare, tra cui Sayan, Terrestri,Majin,Namecciani e Razza di Frieza. Ognuno di loro ha delle caratteristiche uniche precise:i Sayan hanno molto attacco base ma poca difesa, i Majin molta difesa ma poca stamina ecc. A differenza, però, del primo Xenoverse tutte le razze potranno trasformarsi: I namecciani subiranno un gigantimento, i Majin si ritroveranno nei panni di Kid Bu e i Frieza in Gold Frieza.

Come nel predecessore, le varie skill saranno sbloccabili sia tramite negozio che tramite allenamenti con i diretti possessori delle suddette. Infatti i vari Impatto Finale e Cannone Garlick saranno imparabili tramite Vegeta, mentre il tri-shot da Tenshinan ecc. La varietà di personaggi da cui si possono imparare le mosse è molto alto; Dalla Saga di Namecc, a quella dei Cell Games fino all’attuale serie Super, tutti avranno un qualcosa da insegnarti. Ogni lezione però avrà come requisito minimo una certa Classe. Ogni qual volta compieremo determinate azioni apparirà un simbolo che indicherà la possibilità di salire di Classe (che avrà i suoi vantaggi di volta in volta)

Conton City è molto più grande rispetto a Toki Toki City (l’HUB centrale del primo Xenoverse) , sia in larghezza che in altezza. Molti saranno i luoghi raggiungibili tramite il volo come la Capsule Corp., La reggia di Hercule (Mr. Satan) e ognuno avrà al suo interno i personaggi  relativi alla linea temporale (Great Sayaman, Nail,…) che potranno dare sidequest come semplici dialoghi. Ogni area di Conton City è adibita ad una sua funzione: Al centro avremo i vari shop dove acquistare vestiti e skill; la cupola dove accettare missioni secondarie online e offline ed adibbire lotte sia online che offline; Il portale dove verranno portate avanti le varie missioni di storia.

La meccanica GDR è un vero successo e si abbina perfettamente al gameplay, senza essere troppo “invasivo”. Ogni qualvolta il nostro personaggio salirà di livello potremo infatti migliorare le nostre caratteristiche che si suddividono rispettivamente in :Salute, Stamina (che si consuma con scatti e teletrasporti), il Ki, Attacchi Base, Mosse, Supermosse. Questi valori possono variare anche grazie ai vestiti che si hanno in dosso; infatti ogni vestito avrà bonus e malus, a seconda dei casi.

Insomma, in conclusione è un titolo che tiene fede alle aspettative dei giocatori, le amplia e lascia il segno con la sua storia, i suoi personaggi e i suoi combattimenti. Un acquisto consigliatissimo per gli amanti della saga che dai tempi di Budokai Tenkaichi non vedevano l’ora di mettere le mani su un titolo che mescola perfettamente elementi GDR con elementi molto più action. E voi cosa ne pensate?

Francesco Greco

Videogiocatore incallito da più di 15 anni, decide che forse scrivere di videogiochi sia la via più semplice per far conoscere al mondo quanto sia grandela sua passione. Ok forse sono troppo formale. Ciao, sono Francesco e mi piacciono i videogiochi!