E3 2017: Bethesda conference

E3 2017: Bethesda conference

Bethesda ha aperto la propria conferenza in modo veloce e diretto, senza spettacoli vari o discorsi troppo lunghi. L’azienda si è concentrata subito sulla sua interessante lineup per questo 2017, mettendo il pubblico davanti a 40 minuti di presentazioni. Inizialmente c’è stato spazio per la realtà virtuale con l’annuncio di Doom VFR e Fallout VR, ma anche per due giochi appartenenti all’universo di “The Elder Scrolls”. Tramite un trailer infatti, sono stati presentati due nuovi contenuti aggiuntivi per The Elder Scrolls Online: The Horns of the reach e Clockwork city. The Elder Scrolls: Legends invece, vedrà l’aggiunta di “Eroi di Skyrim“, che aggiungerà alcuni personaggi presenti nel quinto capitolo della saga. Sempre restando in tema di eroi, anche Quake Champions ne riceverà uno, ovvero BJ Blazkovicz. Durante la conference inoltre, è stato affermato che a partire da oggi, la closed beta sarà giocabile in tutte le ore della giornata, mentre al Quakecon si svolgeranno i Quake Championship. Nel corso dell’evento non sono mancati grandi annunci; certo, chi si aspettava The Elder Scrolls VI sarà rimasto deluso, ma tutto sommato la lineup di Bethesda si rivela essere estremamente solida. Gli annunci principali fondamentalmente sono due, Wolfenstein The New Colossus e The Evil Within 2, ma potremmo inserirci anche il primo DLC di Dishonored 2, giacché sarà un’espansione stand alone e quindi fruibile anche senza avere il gioco a portata di mano. 

Complessivamente la conferenza di Bethesda è stata caratterizzata da continui annunci e trailer, configurandosi come un evento ricco di contenuti. Quasi tutta la lineup sbarcherà sul mercato entro pochi mesi, e questo potrebbe essere anche una testimonianza della qualità del lavoro dell’azienda e dei team di sviluppo che ne fanno parte. Un’iniziativa che personalmente ritengo molto interessante, è il Creation Club in arrivo su PC, Xbox One e PlayStation 4 per The Elder Scrolls V: Skyrim Special Edition e Fallout 4 . Il Creation Club comprenderà oggetti e abilità creati dalla software house e dalla community, che serviranno a supportare i due titoli nel tempo.

Category Gaming, Home, News

gabriele_giovannini

<p>Ho iniziato ad interessarmi ai videogiochi quando avevo sette anni, poi crescendo e acquisendo sempre più consapevolezza nell’approccio al medium videoludico, ho deciso nel 2015, di lanciarmi in questa avventura con Game&Tech/Modding. Non mi interesso solo di videogiochi, nel tempo libero infatti amo tenermi aggiornato per quanto riguarda la tecnologia e coltivare la mia passione per la storia dell’essere umano.</p>