E3 2017: EA Play

E3 2017: EA Play

L’Electronic Entertainment Expo si apre anche quest’anno con la conferenza di Electronic Arts. EA Play ha subito puntato i riflettori su Madden 18. Il titolo in questione presenta una nuova modalità, la quale riprende fortemente “Alex Hunter: The Journey” presente in Fifa 17. Tale modalità sembra infatti che abbia riscosso molto successo tra i giocatori, spingendo l’azienda a portarla anche in versione Football Americano. Per quanto riguarda Fifa 18 è stato mostrato un trailer, ma la presentazione del gioco è stata incentrata prevalentemente sulla seconda parte del “viaggio” di Alex Hunter. Infine chiudendo una volta per tutte il discorso sui giochi sportivi, è stato presentato un filmato di NBA Live 18, il quale contiene la modalità “The One”. Il giocatore potrà personalizzare caratteristiche e aspetto del proprio personaggio ed è stato dichiarato che la demo del gioco uscirà durante il mese di agosto. Durante l’evento è “tornato sul palco” Battlefield 1 con il trailer del nuovo DLC, In The name of Tsar. L’espansione uscirà nel mese di settembre e conterrà il primo Battaglione della morte femminile oltre che una nuova campagna single player, ambientata nel fronte orientale. Anche Need for Speed Payback si è mostrato tramite un video, a mio parere realizzato in modo davvero adrenalinico e stupefacente. Vestendo i panni di Tyler Morgan, potrete sfruttare cinque diverse tipologie di auto (drift, off-road, race, drag e runner) nelle gare sfrenate, che vi serviranno per ricomporre la vostra squadra. Il titolo uscirà l’11 novembre 2017 su PC, Xbox One e PlayStation 4. La conferenza EA Play però non è stata caratterizzata solo da brand già affermati, non a caso la software house ha presentato due nuove IP:

Il primo è il nuovo progetto di Hazelight Studios (nota per aver sviluppato Brothers: Tales of two sons), incentrato fortemente sulla narrativa e sul comparto co-op online e locale. Anthem invece è la nuova IP di BioWare, di cui è stato mostrato un breve trailer nel quale si può vedere almeno marginalmente il contesto in cui sarà ambientato il videogioco. Il vero grande protagonista dell’evento tuttavia, è sicuramente Star Wars Battlefront 2 del quale sono stati pubblicati un trailer e un gameplay della durata di circa quindici minuti. Il tutto, contornato dall’annuncio di diversi contenuti aggiuntivi gratuiti, che supporteranno il titolo anche dopo il lancio. Infine per quanto riguarda EA Access, è stata annunciata una settimana gratis, mentre PS4 verranno invece portate le versioni di prova dei seguenti giochi:

  • Titanfall
  • Plants vs Zombies: Garden Warfare
  • UFC 2
  • Madden NFL 17
  • Fifa 17

Sembrerebbe quindi che Electronic Arts abbia fatto un ottimo lavoro, presentandosi con una conferenza ricca di contenuti. Ed è così, ma solo in parte. EA Play è stata quasi fallimentare dal punto di vista mediatico e, il finale dedicato a Star Wars Galaxy ne è un chiaro esempio. La presentazione era strutturata in modo da sembrare un dialogo (riguardante le funzionalità del gioco) tra tre persone, che si è rivelato essere totalmente mal organizzato. Fondamentalmente non riesco nemmeno lontanamente a trovare un senso, ad un dialogo di quel tipo tra dipendenti di Electronic Arts, i quali di conseguenza conoscono il gioco. Avrebbe avuto molto più senso scrivere un dialogo pensato per essere adattato ad una persona estranea (un giornalista ad esempio) e uno/due sviluppatori. Nel complesso EA Play è risultato essere abbastanza mediocre nella prima e nell’ultima parte, pur comunque portando qualche novità come la divisione SEED, che si concentrerà nella ricerca tecnologica in modo tale da ideare progetti videoludici sempre più innovativi. Probabilmente questo è un segno del fatto che, Electronic Arts sta cambiando. Magari solamente per modificare l’immagine negativa che i videogiocatori hanno dell’azienda, ma in linea di massima ben vengano progetti come questo.

 

Category Gaming, Home

gabriele_giovannini

Ho iniziato ad interessarmi ai videogiochi quando avevo sette anni, poi crescendo e acquisendo sempre più consapevolezza nell'approccio al medium videoludico, ho deciso nel 2015, di lanciarmi in questa avventura con Game&Tech/Modding. Non mi interesso solo di videogiochi, nel tempo libero infatti amo tenermi aggiornato per quanto riguarda la tecnologia e coltivare la mia passione per la storia dell'essere umano.