Game Over: Try Again? – Blur

Game Over: Try Again? – Blur

Cos’è questa rubrica? E’ un piccolo spazio dove videogiochi che sono stati, per un motivo o per un altro, ignorati hanno una seconda chance di poter tornare alla luce!

Salve a tutti e benvenuti in questa nuova rubrica, che scaverà nel mondo videoludico più profondo per portare a superficie piccole perle che non hanno, purtoppo, brillato. Oggi parliamo di Blur, un racing game un pò diverso da quello che può essere un Need for Speed o un The Crew ma che si avvicina più ad un Mario Kart. Purtroppo fu proprio questa la ragione per cui passò inosservato, all’ombra dei colossi del racing. Ma andiamo con ordine.

Il suo gameplay è l’esatta fusione tra Mario Kart e Burnout: Il primo per la raccolta di power up che ci aiuteranno nella nostra lotta per la “pole postion” e il secondo per il parco macchine molto vasto e super accessoriato (che si differenzierà per diversi parametri quali accelerazione, manovrabilità, ecc…. Ciò che ne risulta è quindi un’esperienza di gioco veloce e frenetica, resa comunque strategica dal corretto uso dei nostri Power up durante le corse. A proposito di queste ultime, saranno divise in diverse categorie che vanno dal Boosting al Drifting, Dalla Caccia alla Gara normale.

Il comparto tecnico è molto curato e stabile. Infatti, nonstante la grande quantità di oggetti in movimento e della resa grafica dei diversi power up, il gioco si solidifica sui 60 ultra stabili, non tremando neanche con più di 20 giocatori online e 4 in split screen.

Insomma, Blur è un titolo che diverte per la sua natura “caciarona” e molto dinamica, facendo passare al giocatore (o ai giocatori) un gran bel pomeriggio in compagnia di grasse risate e di divertimento assicurato. Un titolo che non meritava di passare in sordina ma a cui ora potete dare una seconda possibilità.

Francesco Greco

Videogiocatore incallito da più di 15 anni, decide che forse scrivere di videogiochi sia la via più semplice per far conoscere al mondo quanto sia grandela sua passione. Ok forse sono troppo formale. Ciao, sono Francesco e mi piacciono i videogiochi!