Le nuove cuffie HyperX finalmente partner ufficiali di Xbox One

Le nuove cuffie HyperX finalmente partner ufficiali di Xbox One





Quando è stata lanciata per la prima volta, la linea HyperX Cloud, era destinata esclusivamente ai gamer che utilizzano il Pc. HyperX CloudX rappresentano quindi il primo passo dell’azienda nel mercato delle console, dato che si collegano direttamente ai controller Xbox One Elite attraverso una porta di 3,5 mm.

Con lo stesso design vincente delle HyperX Cloud II, le HyperX CloudX, le ultime arrivate offrono ai gamer un nuovo livello di performance audio per console. Colpi di pistola, esplosioni e effetti speciali saranno sempre più nitidi grazie ai driver da 53 mm. Le HyperX CloudX offrono un comodo controllo volume integrato su cavo, cuscinetti in memory, fascia foderata in pelle morbida con cucitura personalizzata, per un confort e uno stile ancora più ricercati. Il design che si adatta perfettamente all’orecchio isola dai rumori esterni garantendo un’esperienza di gaming nella quale sarà possibile immergersi completamente. Le HyperX CloudX contengono anche un microfono separabile e sono dotate di un involucro resistente, che le protegge quando non sono utilizzate o durante i viaggi.

Questa nuova collaborazione con Microsoft e Xbox One, che ci rende davvero molto orgogliosi, rappresenta in nostro ingresso nel settore delle console”, ha dichiarato Fabio Cislaghi, Business Development Manager di Kingston Italia. “Quando abbiamo lanciato le nostre prime cuffie per il gaming da PC sapevamo che prima o poi ci saremmo affacciati su questo nuovo ed affascinante mondo delle console. Con Microsoft abbiamo già diverse sinergie: HyperX è da tempo molto attiva in ambito PC, mentre Xbox One, attraverso l’App Xbox per Windows 10, consente un’integrazione più completa con il gioco da PC”.

Category Gaming, Home, News

Dodaro Raffaele

Innamorato dell'elettronica ed informatica fin da piccolo quando cominciavo a rompere i videoregistratori. Qualche anno dopo incontrai i sistemi operativi e da lì in poi cominciai a girare nelle cartelle di sistema a far danni. Ora, ormai 18 enne, mi trovo alla guida di gametechmodding.