LG Stylus DAB+, il primo smartphone con Digital Audio Broadcasting

LG Stylus DAB+, il primo smartphone con Digital Audio Broadcasting





Un comunicato stampa ufficiale di LG ha confermato che, LG Stylus DAB+ uscirà anche in Europa.
Questa notizia è stata pubblicizzata attraverso Radiodays Europe 2016, perché LG Stylus.
LG Stylus è infatti il primo smartphone ad integrare un chip DAB+, ovvero Digital Audio Broadcasting direttamente nel dispositivo. In questo modo l’utente potra godere di tutte le trasmissioni radio digitali, il tutto con una qualità simile a quella di un normale CD, inoltre utilizzando il traffico dati, si potrà interagire con servizi miltimediali come PAD, N-PAD e DLS.
Attraverso un’applicazione sviluppata da LG, gli utenti potranno accedere a molti più canali radio attraverso lo standard DAB+, che va a sostituire FM.
image

“Siamo orgogliosi di contribuire al lancio di questo smartphone, insieme ad un’azienda innovativa come LG. La combinazione della radiodiffusione e di Internet si apre verso una vasta gamma di possibilità per il futuro “, ha affermato Gunnar Garfors, (presidente della IDAG). “I consumatori potranno usufruire di nuove funzionalità, mentre i produttori di media riusciranno a raggiungere il pubblico grazie alle Radio Free-to-air”.
“LG si avvia verso il cambiamento alla radiodiffusione digitale DAB+, per fornire un nuovo paradigma di esperienze attraverso lo smartphone”, ha dichiarato Juno Cho (presidente e CEO di LG Electronics Mobile Communications Company). ” LG Stylus 2 è il dispositivo perfetto per godere dei contenuti multimediali, anche grazie all’ampio schermo da 5,7 pollici, altoparlante da 1 watt e batteria removibile da 3,000mAh”

Infine è stata divulgata la lista dei paesi dove LG Stylus DAB+ uscirà a breve, ovvero, Australia Belgio, Germania, Italia, Paesi Bassi, Norvegia e Regno Unito.
Tuttavia non sono ancora stati divulgati i dettagli sulla disponibilità e il prezzo del dispositivo.

Category Android, Home, News

gabriele_giovannini

<p>Ho iniziato ad interessarmi ai videogiochi quando avevo sette anni, poi crescendo e acquisendo sempre più consapevolezza nell’approccio al medium videoludico, ho deciso nel 2015, di lanciarmi in questa avventura con Game&Tech/Modding. Non mi interesso solo di videogiochi, nel tempo libero infatti amo tenermi aggiornato per quanto riguarda la tecnologia e coltivare la mia passione per la storia dell’essere umano.</p>