Lumsing Caricatore da Scrivania 60W: Recensione

Lumsing Caricatore da Scrivania 60W: Recensione

INTRODUZIONE

La recensione di oggi si concentra su un altro prodotto realizzato da Lumsing. L’azienda ci ha infatti offerto la possibilità di provare e quindi in seguito recensire un multicaricatore da scrivania con 6 porte USB e protezione anti-surriscaldamento.

CONFEZIONE

La disposizione del contenuto nella confezione è stata organizzata con buona cura. Al suo interno troviamo:

  • il multicaricatore da scrivania
  • un cavo di alimentazione
  • il manuale delle istruzioni

CARATTERISTICHE 

  • 6 porte USB
  • Tecnologia di Ricarica Smart
  • Radiatore anti-surriscaldamento
  • Garanzia: Certificati CE/FCC/ROHS e Garanzia del Produttore di 12 mesi.

DESIGN

Il caricabettierie da scrivania è stato concepito per occupare poco spazio, non a caso presenta delle dimensioni (12.6 x 12.6 x 4.4 cm) abbastanza ridotte. Il penso invece è di 234 grammi. È possibile comprare il prodotto in tre diverse colorazioni:

  • Bianco
  • Blu e Nero
  • Arancione

La forma invece è quella di un parallelepipedo a cui sono stati tagliati gli angoli. Sulla parte frontale troviamo le 6 porte USB, che permettono appunto di ricaricare più dispositivi contemporaneamente. L’unico aspetto negativo è rappresentato dalla mancanza di gommini, in grado di far aderire il caricabatterie alla superficie.


CONSIDERAZIONI PERSONALI

Il caricatore funziona veramente bene e, il fatto che Lumsing abbia deciso di inserire una protezione per impedire il surriscaldamento, è già un motivo valido per acquistarlo. Il prezzo inoltre fà sì, che il caricatore da scrivania si configuri come un best buy. L’unico aspetto negativo che mi impedisce di promuovere a pieni voti questo prodotto, è la mancanza di gommini; i quali sarebbero stati utili a fissarlo sulla scrivania. Certo non è un problema grave, ma in una prossima produzione di caricabatterie da tavolo si potrebbero implementare.


Overall
4 out of 5

4

Good
4 out of 5

gabriele_giovannini

<p>Ho iniziato ad interessarmi ai videogiochi quando avevo sette anni, poi crescendo e acquisendo sempre più consapevolezza nell’approccio al medium videoludico, ho deciso nel 2015, di lanciarmi in questa avventura con Game&Tech/Modding. Non mi interesso solo di videogiochi, nel tempo libero infatti amo tenermi aggiornato per quanto riguarda la tecnologia e coltivare la mia passione per la storia dell’essere umano.</p>