Rantopad MXX: Recensione

Rantopad MXX: Recensione





Introduzione

Rantopad, una marca apparentemente sconosciuta ma che noi ringraziamo per averci dato la possibilità di poter recensire un’ottima tastiera meccanica da gaming come la Rantopad MXX dal layout inglese. Si tratta di una tastiera molto compatta, facile da portare da una stanza ad un’altra. Senza dire nient’altro andiamo a vederla!

Features

  • 87 tasti
  • Piccola e compatta
  • Tastiera completamente anti-ghosting
  • 6 tipi di retroilluminazione

Requisiti

  • PC con USB 2.0/3.0
  • Windows XP o superiore

Specifiche

  • Cover in alluminio
  • Tastiera meccanica con i tasti che hanno una vita di 50 milioni di click
  • Luce dei LED monocromatica
  • Cavo USB placcato in oro e anche intrecciato
  • Larghezza: 385mm
  • Altezza: 124mm
  • Profondità: 44mm
  • Peso: 650g

Confezione

La tastiera ci è arrivata in una bella confezione color giallo fosforescente. Sulla parte frontale troviamo la foto della tastiera con alcune delle caratteristriche(scritte in cinese) ed il logo dell’azienda.

Sul retro troviamo una breve descrizione delle caratteristiche più importanti della tastiera(in cinese)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rimosso il cartone giallo all’interno troviamo un altro piccolo scatolo nero con all’interno:

  • 1x Manuale d’istruzione(in cinese)
  • 1x Catalogo Rantopad(in cinese)
  • 1x Estrattore di tasti meccanici in plastica verde

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nella parte più grande della confezione troviamo:

  • 1x Tastiera
  • 1x Cavo USB placcato in oro(completamente smontabile)

Design

Come design questa tastiera non si discute. Ha una cover in alluminio di color grigio molto elegante.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nella parte superiore della tastiera si trovano i tasti multimediali con a fianco quelli che comandano la retroilluminazione della keyboard

Questo slideshow richiede JavaScript.

I lati sinistro e destro sono caratterizzati dalla curva che accompagna la tastiera. Sotto la curva troviamo dei gommini antiscivolo

DSC_0103

 

Retroilluminazione

In base alla combinazione di tasti premuti è possibile cambiare il tipo di luce emessa dai led bianchi:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli effetti si possono cambiare facilmente attraverso i tasti Fn+Page UP/Down(Wave mode, Ripple mode, Breathing mode, Trace mode, Six-box Grid mode). Si può attivare la modalità gaming attraverso i tasti Fn+F10 e Fn+ F9.

Galleria

Considerazioni

Siamo rimasti soddisfatti da questa tastiera e anche se Rantopad non offre software aggiuntivo per configurare al meglio la tastiera sono rimasto esterrefatto dalla quantità di personalizzazioni offerta dalla tastiera. Come design mi è piaciuta molto, è molto elegante e da un certo punto di vista anche professionale. Però ho sentito molto l’assenza del tastierino numerico a cui ero abituato. Personalmente avrei preferito i LED RGB piuttosto che bianchi magari per mettere in evidenza i tasti WASD e le freccie direzionali. I tasti hanno un tempo di risposta soltanto di 1ms e 45g di pressione che secondo me sono perfetti per il gaming. Essendo una tastiera meccanica i tasti fanno rumore leggermente fastidioso.

Il rapporto qualità-prezzo secondo me è ottimo.

Link Acquisto| Amazon.com

Overall
4 out of 5
Overall

Siamo rimasti soddisfatti da questa tastiera e anche se Rantopad non offre software aggiuntivo per configurare al meglio la tastiera sono rimasto esterrefatto dalla quantità di personalizzazione offerta dalla tastiera. Come design mi è piaciuta molto, è molto elegante e da un certo punto di vista anche professionale. Però ho sentito molto l'assenza del tastierino numerico. Personalmente avrei preferito i LED RGB pittosto che bianchi magari per mettere in evidenza i tasti WASD e le freccie direzionali. I tasti hanno un tempo di risposta soltanto di 1ms e 45g di pressione che secondo me sono perfetti per il gaming. Essendo una tastiera meccanica i tasti fanno rumore leggermente fastidioso.

4

Good
4 out of 5

Dodaro Raffaele

<p>Innamorato dell’elettronica ed informatica fin da piccolo quando cominciavo a rompere i videoregistratori. Qualche anno dopo incontrai i sistemi operativi e da lì in poi cominciai a girare nelle cartelle di sistema a far danni. Ora, ormai 18 enne, mi trovo alla guida di gametechmodding.</p>