RAZER annuncia il primo switch per tastiera meccanica  “ultra-low-Profile” al mondo

RAZER annuncia il primo switch per tastiera meccanica “ultra-low-Profile” al mondo

Razer annucia il Razer Ultra-Low-Profile Mechanical Switch, una novità nel mondo dei tasti meccanici. Gli switch saranno inizialmente inseriti nel Razer Mechanical Keyboard Case per iPad Pro di Apple.

Ogni Razer Ultra-Low-Profile Mechanical Switch dispone di un punto di attuazione e rilascio. La pressione del tasto richiede 70 grammi di forza, offrendo lo stesso “feel” delle tastiere meccaniche di dimensioni normali, in un fattore forma sufficientemente sottile da essere utilizzato con un dispositivo mobile.

All’inizio dell’anno Razer ha investito nella propria linea di produzione di switch, allo scopo di elevare il livello di robustezza e prestazioni di keypad e tastiere. L’investimento in ricerca e progettazione ha portato a una nuova tecnologia che ha reso possibile la realizzazione del design estremamente sottile del Razer Ultra-Low-Profile Mechanical Switch. Questo ha inoltre permesso ai Razer Mechanical Switch di diventare un punto di riferimento in termini di durata con un ciclo di vita di 80 milioni di attuazioni.

Siamo generalmente riconosciuti come un’azienda che crea prodotti di qualità per i gamer, ma per progettare il meglio, abbiamo dovuto innovare da cima a fondo – persino focalizzandoci su ogni singolo componente, come per esempio gli switch meccanici”, afferma Min-Liang Tan, co-fondatore e CEO di Razer. “Siamo entusiasti delle potenzialità del nostro Ultra-Low-Profile Mechanical Switch e non vediamo l’ora di esplorare altre applicazioni in aggiunta alla tastiera meccanica che abbiamo progettato per l’iPad Pro”.

Caratteristiche di prodotto:

  • Razer Ultra-Low-Profile Mechanical Switch

  • Punti di attuazione e rilascio ottimizzati

  • Keycap chiclet sottili

  • Progettato per Apple iPad Pro

  • Cavalletto in metallo

  • Custodia protettiva rimovibile in policarbonato

  • Connettività: Bluetooth

  • Autonomia:

  • Circa 10 ore con una singola carica al massimo della luminosità

  • Circa 600 ore con una singola carica con retroilluminazione disattivata

Dodaro Raffaele

<p>Innamorato dell’elettronica ed informatica fin da piccolo quando cominciavo a rompere i videoregistratori. Qualche anno dopo incontrai i sistemi operativi e da lì in poi cominciai a girare nelle cartelle di sistema a far danni. Ora, ormai 18 enne, mi trovo alla guida di gametechmodding.</p>