Sharkoon M51+: Recensione

Sharkoon M51+: Recensione




Introduzione

Oggi ritorniamo con un altro ottimo prodotto Sharkoon dopo la recensione delle cuffie da gaming e abbiamo sotto le nostre mani un mouse da gaming e un bungee modello M51+. Questo mouse ha un sensore Avago ADNS-9800 molto preciso anche a dpi bassi. Senza spoilerare nulla andiamo a provarlo.

Specifiche

Lo Shark zone M51+ è dotato di un sensore Avago ADNS-9800 da 8200dpi, tre tasti laterali più un quarto situato in basso a sinistra che si possono riprogrammare a proprio piacimento tramite il programma fornito dalla Sharkoon. Sul dorso del mouse è situato uno switch giallo che permette di selezionare il profilo desiderato, tra i quattro che si possono memorizzare.

Le zone retroilluminate sono due: la prima si trova sulla parte anteriore sinistra del mouse, dove ci sono quattro indicatori LED che indicano il profilo selezionato e una seconda nella parte posteriore la cui colorazione è modificabile. Il cavo usb è di 180 cm fatto di fibra intrecciata gialla ed un connettore USB placcato oro all’estremità.

Sharkoon vende l’M51+ con un bungee che serve a tendere il filo e lo possiamo usare come un hub usb. Peccato che le quattro porte USB a disposizione siano solamente usb 2.0 e non 3.0. Questa cosa di adottare l’usb 2.0 in un prodotto praticamente appena uscito, non l’ho capita molto dato che sono già in commercio le usb 3.1.

  • Specifiche mouse:

Screenshot_2

 

  • Specifiche Bungee HUB:

Screenshot_3

Design

Confezione

Il mouse è venduto in una confezione simile a quella delle cuffie Sharkoon già recensite: sul frontale si trova una “finestra” che permette di vedere l’anteprima del mouse e del bungee. Sui lati sono situati le varie specifiche e features.
La confezione comprende:

  • Shark zone m51
  • Bungee MB10
  • CD con driver e software
  • Piedini sostitutivi del mouse
  • Piccola sacca
  • Cavo usb e cavi dati
  • Manuale

Questo slideshow richiede JavaScript.

Utilizzo

Premetto che il mouse è stato usato sia in ambito gaming(FPS principalmente) sia in ambito quotidiano.

Si è comportato egregiamente in entrambi ma nell’uso quotidiano mi sono trovato un po’ male per via dei tasti laterali a cui non ero abituato, a parte questo devo dire che per le numerose ore che l’ho utilizzato la mia mano non si è mai stancata e ho lavorato comodamente.

Con i giochi che ho testato posso affermare che il mouse si è comportato benissimoanche non usando risoluzioni molto elevate. L’ho testato su COD BO3 e Battlefield 4 nei quali la precisione e la tattica sono fondamentali.

Conclusione

Il sensore Avago ADNS-9800, è preciso e potente. Il software fornito permette di controllare tutti gli aspetti dell’M51+ con facilità ed intuitività. I materiali impiegati sono di ottima qualità e conferiscono un’ottima ergonomia al mouse, nelle più svariate condizioni di impiego. Il design è molto elegante e poco “tamarro” il che lo fa passare inosservato su tutte le scrivanie.Mi piace molto il logo dell’azienda retroilluminato, personalizzabile come tonalità ed effetto.

Il prezzo è un altro suo punto forte: solo 47.05€ che considerato il bundle e la qualità dello stesso non possiamo far altro che fare un applauso alla Sharkoon.

Link Acquisto| Amazon.it

Overall
5 out of 5
Overall

Il sensore Avago ADNS-9800, è preciso e potente. Il software fornito permette di controllare tutti gli aspetti dell’M51+ con facilità ed intuitività. I materiali impiegati sono di ottima qualità e conferiscono un’ottima ergonomia al mouse, nelle più svariate condizioni di impiego. Il design è molto elegante e poco "tamarro" il che lo fa passare inosservato su tutte le scrivanie.Mi piace molto il logo dell'azienda retroilluminato, personalizzabile come tonalità ed effetto.

Il prezzo è un altro suo punto forte: solo 47.05€ che considerato il bundle e la qualità dello stesso non possiamo far altro che fare un applauso alla Sharkoon.

5

Excellent
5 out of 5

Dodaro Raffaele

Innamorato dell'elettronica ed informatica fin da piccolo quando cominciavo a rompere i videoregistratori. Qualche anno dopo incontrai i sistemi operativi e da lì in poi cominciai a girare nelle cartelle di sistema a far danni. Ora, ormai 18 enne, mi trovo alla guida di gametechmodding.