Skylake non-K: Intel cambia politica, niente più OC

Skylake non-K: Intel cambia politica, niente più OC





Intel nell’ultimo periodo per quanto riguarda il mercato delle CPU, ha lanciato sul mercato CPU non-K serie 6000 “Skylake” con possibilità di overclock. L’overclock sui processori Intel è divenuto impossibile a partire dalle prime soluzioni Sandy Bridge, che impedivano obbligando gli acquirenti l’acquisto di una CPU con moltiplicatore sbloccato serie K.

Con lo Skylake Intel ha rimosso la modifica del BCLK e gli utenti grazie al rilascio dei primi BIOS che reintroducevano tale possibilità in abbinamento ad una scheda madre Z170 e qualche particolare modelli di H170 hanno avuto la possibilità di fare OC senza nessun ostacolo. Produttori come ASRock, MSI e GIGABYTE hanno lavorato molto su questo fronte, ma Intel, in questi giorni, ha deciso di cambiare politica impedendone l’OC.

ASRock ha già confermato il ritiro dei BIOS, con il rilascio di nuovi codici che riportano la dicitura “Remove Sky OC Function”, senza alcuna spiegazione, su tutte le schede madri.

Gli utenti già in possesso di mobo con possibilità di OC delle CPU bloccate saranno quindi costretti all’uso degli ultimi BIOS “beta” con tutte le possibili problematiche del caso o, in alternativa, ricorrere alla restituzione dei componenti.

Anche la pagina SKY OC è andata perduta, dove ora ci reindirizzerà nella pagina ufficiale.

Davvero un brutto colpo per gli utenti che speravano ad un ritorno di intel nel fare OC anche nelle serie non K.

Niente più OC sugli Skylake non-K 2

 

Tags intel, oc, skylake
Category Hardware, Home, News

Francesco Paolo Formoso

<p>Nato nel 1993, ha sempre cercato di ritagliarsi il suo posticino nel mondo del giornalismo, possibilmente affiancando questo sogno alla sua passione di sempre: i videogames, la tecnologia e l’elettronica. Studia musica e chitarra jazz al conservatorio e grande amante dei film di Quentin Tarantino.</p>