Telegram vs WhatsApp: scontro tra titani

Telegram vs WhatsApp: scontro tra titani





WhatsApp è il più diffuso, nessuno può competere” e poi “WhatsApp è il migliore perchè essendo a pagamento suppongo che sia il migliore“. Queste frasi le ho sentite miliardi di volte ma sono d’accordo solo con la prima parte ovvero che è a pagamento e che è il più diffuso.

Ci sono centinaia di app simili a WA ma una che mi è rimasta in mente (e che uso tutt’ora) è Telegram. Telegram è migliore sotto diversi aspetti e tra poco li analizzeremo ma ha un punto negativo (se si può definire così) cioè quello di essere poco diffuso.

Dopo aver fatto questa premessa passiamo alla sfida:

  • Su quale piattaforma è disponibile?

Telegram

Telegram è disponibile su Windows, Linux, Mac OS oltre che ai sistemi mobili (funziona normalmente anche su iPad a confronto di WA) con un proprio installer che potete trovare quì oltre ad una versione web che funziona su qualsiasi browser. Una volta eseguito l’accesso dal pc riceveremo un codice sul telefono per entrare, quindi livello di sicurezza: ottimo. Nell’ app del telefono riceveremo anche l’indirizzo ip del telefono che si è connesso e potremo facilmente disconnettere ogni altro dispositivo andando in Impostazioni > Privacy e Sicurezza > Chiudi tutte le altre sessioni.

Si, lo so che anche whatsapp offre la possibilità di messaggiare dal web però ve la sconsiglio per i seguenti motivi:

  1. WhatsApp Web è una pagina web, ma funziona solo in combinazione con lo smartphone (pc e telefono connessi alla stessa rete). Questo perché WhatsApp Web è solo un’interfaccia online del WhatsApp che avete sul vostro dispositivo. I messaggi verranno semplicemente “inoltrati” al browser. WhatsApp quindi deve essere installato sul vostro smartphone e in esecuzione in background, altrimenti il ​​servizio non funziona.
  2. Funziona solo su Google Chrome
  3. Riduce la durata della batteria dello smartphone
  4. WhatsApp Web aumenta il consumo dati

 

  • Condivisione di file senza limiti

Con Telegram è possibile inviare qualsiasi file, ripeto, qualsiasi file, entro 1 GB, ripeto, 1 GB, ovvero 1024 MB o 200 canzoni di qualità media in un archivio o 1 film di buona qualità o, se preferite, 64 volte il limite massimo imposto da WhatsApp. WhatsApp vi permette di inviare al massimo foto, video, file audio, posizione attuale e contatti fino ad un massimo di 16 MB (se possibile il file verrà compresso per rientrare nel limite).

  • Livello di sicurezza dei vostri dati (conversazioni)

E anche questa volta stravince Telegram che punta tantissimo sulla sicurezza, anzi, l’idea di fondo di Telegram si fonda sul fornire un sistema gratuito di comunicazione dove sicurezza e privacy dei nostri dati sono al primo posto… e prende in giro anche gli hacker sfidandoli con la messa in palio di una ricompensa da 200.000 dollari a chiunque fosse in grado di decriptare il contenuto di un messaggio inviato da Telegram. Dopo un anno, ancora nessuno è riuscito nell’impresa e il team di Telegram ha rincarato la dose con un altra sfida: questa volta da 300.000 dollari e facilitando il compito agli aspiranti decriptatori dando più informazioni ed invitandoli ad utilizzare attacchi attivi ai server di Telegram… Ancora nessun risultato!

Sicurezza Telegram

WhatsApp? Bhe, quasi quasi mi metto a ridere perchè anche gli esperti si preoccupano ogni ora, minuto riguardo alle falle di sicurezza delle comunicazioni con questo servizio. Basta pensare che c’è un’ app che riesce a “sniffare” le conversazioni che avvengono nella stessa rete wifi ed è possibile ricevere il contenuto (testo, ma anche foto o video…) dei messaggi inviati.

  • Ora veniamo al punto forse più importante: prezzo di telegram?

Telegram è e sarà gratuito per sempre e senza pubblicità rispetto a WhatsApp.

Quindi mi viene da pensare che Telegram sia il migliore. Cosa ne pensate?

Ci sono altri punti per definire Telegram migliore a WhatsApp se volete conoscerli commentate l’articolo o mettete mi piace allo stesso.

Link download: Android

Link download: iOS

Dodaro Raffaele

Innamorato dell'elettronica ed informatica fin da piccolo quando cominciavo a rompere i videoregistratori. Qualche anno dopo incontrai i sistemi operativi e da lì in poi cominciai a girare nelle cartelle di sistema a far danni. Ora, ormai 18 enne, mi trovo alla guida di gametechmodding.